Filiano rivendica il ristoro ambientale per il parco eolico

Tempo di lettura: 2minuti

Il territorio di Filiano si contraddistingue per la sua forte vocazione agricola, ambientale e storica. Basti pensare alle sue produzioni agricole d’eccellenza, quali il Pecorino di Filiano Dop e i prodotti lattiero-caseari; agli importanti siti archeologici di rilevanza internazionale, quali le Pitture Rupestri di Riparo Ranaldi e la Riserva antropologica Agromonte Spacciaboschi; senza dimenticare le foreste demaniali, quali il Bosco del Principe Doria, la Foresta di Lagopesole e il Bosco di Monte Caruso.
Che impatto può avere, dunque, un impianto eolico su un territorio di questo tipo?

Da diversi anni nel territorio del Comune di Ripacandida è presente un imponente parco eolico, costituito da diversi aerogeneratori posti a ridosso del confine con il Comune di Filiano. L’installazione, di proprietà della Società Wind Farm Srl, sin dalla sua realizzazione ha generato inevitabili e tangibili ripercussioni negative, sia per il territorio sia per i cittadini. In particolare sulla salute degli abitanti delle zone circostanti, per il rumore, la sicurezza e il cosiddetto ‘flickering‘ (alternanza luce-ombra legata al passaggio delle pale di fronte al sole), vista la notevole vicinanza alle abitazioni; sull’ecosistema e la fauna, per l’impatto di tipo fisico-chimico, relativo alla acidificazione ed eutrofizzazione dei terreni, all’emissione di sostanze inquinanti; sulla cultura e la bellezza del territorio per l’impatto visivo che si ripercuote negativamente sul patrimonio culturale, archeologico e turistico.

L’Amministrazione Comunale di Filiano – alla luce di quanto previsto dal d.lgs 29 dicembre 2003 n. 387, che ha introdotto la possibilità di forme di compensazione ambientale per i territori limitrofi a tali impianti e dalla giurisprudenza in materia – nei giorni scorsi ha notificato alla Società Wind Farm Srl, proprietaria dell’impianto eolico in questione, una formale richiesta di ristoro ambientale al fine di ottenere una giusta ed equa misura compensativa, da concordare e tradurre in apposito accordo tra le parti.

Attraverso questa istanza – rende noto il Sindaco Francesco Santoro in una nota – intendiamo tutelare e far valere i diritti e gli interessi della nostra Comunità e del nostro territorio, con particolare attenzione ai cittadini che vivono in prossimità dell’impianto, costretti quotidianamente a subire l’incredibile rumore generato dalle pale eoliche, soprattutto nelle giornate ventose. Diritti e interessi che per troppo tempo sono stati trascurati, dal momento che la richiesta di compensazione ambientale, che noi oggi formalizziamo, poteva essere avanzata già al momento della costruzione del parco eolico avvenuta circa un decennio fa.
In questi giorni – continua il Sindaco – formalizzeremo ulteriore richiesta di ristoro ambientale anche al Comune di Atella, con cui abbiamo avuto già interlocuzione, per la discarica di contrada Cafaro situata a circa 1 km dalle abitazioni della Frazione Casone Perazzi.

Share Button