Nell’attesa della sua nascita

Tempo di lettura: 2minutiTempo di lettura: 2minuti

“Mentre si trovavano a Betlemme, giunse per Maria il tempo di partorire, ed essa diede alla luce un figlio, il suo primogenito. Lo avvolse in fasce e lo mise a dormire nella mangiatoia di una stalla, perché non avevano trovato altro posto.”

(Lc 2, 6-7)

La capanna, il riparo precario ma sicuro in cui Maria diede alla luce suo figlio Gesù, è la scena più rappresentata nell’arte sacra e non solo. La Natività è anche la parte centrale del presepe, uno dei simboli fondamentali della tradizione cristiana.
Diciamocelo chiaramente, non è Natale senza presepe!
Per questo motivo, Anna Romaniello ha voluto condividere con l’intera comunità filianese, il presepe che ha realizzato nel suo incantevole giardino di Iscalunga, tra le pendici del Monte Vulture e del Castello di Lagopesole, creando un piccolo scrigno di bellezza, fede e arte.

Giovedì 23 dicembre, il presepe di Anna Romaniello è stato pubblicamente inaugurato – in collaborazione con l’Associazione Pro Loco di Filiano, la Parrocchia Maria SS del Rosario e la Bottega Palladino – nel corso di una serata magica in cui i visitatori hanno assaporato la dolcezza e la serenità tipica del periodo natalizio.
La cerimonia è iniziata con la benedizione di Don Rocco Ossoa ed è proseguita con la visita al presepe allietata dalla musica dal vivo degli zampognari. Diverse le scene rappresentate: la bottega del falegname, l’osteria, la locanda, i pastori al pascolo con le pecore, la donna alla fontana e, naturalmente, al centro della scena la Natività. Le sagome in legno dei personaggi sono state realizzate dalla Bottega Palladino e poi ornate e messe a punto da Anna, che ha curato l’intero allestimento.

“Il presepe è il simbolo per eccellenza del Natale” – ha dichiarato Anna Romaniello – “Questo è il mio contributo per ricordare, soprattutto ai più piccoli che il Natale non è solo festa e regali, ma è simbolo di rinascita, condivisione e amore.”

L’attenzione ai dettagli, la cura dei più piccoli particolari che fanno la differenza, trasmettono al visitatore la passione e l’amore che Anna mette in ogni sua creazione artistica: opere sempre originali, emozionanti e mai banali.

Il presepe è visitabile fino al 6 gennaio, su prenotazione contattando il numero +39 340 9890210.

Share Button