L’importanza della relazione tra testo e immagini

Nel mondo della comunicazione e del marketing esiste una relazione molto stretta tra testo e immagini. Ed è proprio di questo legame che parlo nel seguente articolo.

Il testo e le immagini

Ti starai domandando: ma cosa c’entrano le immagini con il mestiere del copywriter?
C’entrano, c’entrano. In particolare, il legame tra testo e immagini è fondamentale.
Come spiega Annamaria Testa ne La parola immaginata – saggio interessantissimo su teoria, tecnica e pratica del lavoro del copywriter – «il testo redatto da un copywriter non è un risultato definitivo, ma soltanto uno dei materiali che si utilizzano per costruire qualcos’altro».
Il testo pubblicitario, fatto di sole parole, di per sé non ha valore autonomo e non è utilizzabile a fini commerciali e/o persuasivi. Anche un testo informativo diventa più interessante se accompagnato da una bella foto o da una infografica esplicativa. Questo vale, naturalmente, anche per i blog post, dove le immagini – che possono essere foto, infografiche, gif, video e quant’altro – aiutano a catturare l’attenzione del lettore e lo spingono a soffermarsi nella lettura.
Quindi, mentre un buon libro resta tale anche se stampato con un brutto font (a meno che non sia Comic Sans, perché altrimenti non c’è speranza!), un bell’articolo può essere rovinato irrimediabilmente da una foto di bassa qualità, da un’immagine fuori contesto o da una cattiva impaginazione. Questo è uno dei motivi per cui una delle figure professionali con cui il copywriter s’interfaccia più spesso è proprio l’art director.

La giusta immagine

Abbiamo compreso che la scelta di una giusta immagine è fondamentale per la buona resa di un blog post e questa regola vale anche per i social media, si pensi a Instagram o Pinterest.
Le immagini che scegliamo per il nostro articolo devono essere pertinenti e in sinergia con ciò che abbiamo scritto nel testo e devono rispecchiare il nostro tone of voice e la nostra visual identity. Possiamo scattare una foto, creare una grafica accattivante, usare una gif divertente, oppure possiamo acquistare o scaricare un’immagine da siti che offrono questo servizio. Quando prendi un’immagine dal web però – e non mi stancherò mai di ripeterlo – assicurati di farlo legalmente! Ne ho parlato in questo articolo su Immagini e Copyright. A questo proposito, Google ha modificato la sezione relativa ai diritti di utilizzo e sto preparando un articolo di aggiornamento sull’argomento.
Oltre ad essere belle e ben fatte, le immagini per il web devono essere leggere, di piccole dimensioni per consentire un veloce caricamento della pagina.

Logo Maria Copywriter

Immagini ottimizzate per il web

Le immagini per il web devono avere una risoluzione più bassa rispetto a quelle usate per la stampa. Queste vanno dunque ottimizzate per il web in modo che possano essere caricate e visualizzate velocemente sul monitor. Questo è molto importante per determinare la performance di un sito e la sua velocità di caricamento.
Imbattersi in un sito lento e mal funzionante non è mai piacevole, lo sappiamo bene!
Ottimizzare per il web vuol dire ridurre il peso dell’immagine, che deve avere una risoluzione di 72 dpi (punti per pollice) e modalità colore RGB. Per quanto riguarda i formati, in genere quelli più utilizzati sono .jpeg, .png e .gif da scegliere a seconda della necessità.

Strumenti utili

Resto dell’idea che per i lavori di grafica professionali è sempre meglio rivolgersi a un grafico, perché ad ognuno il suo mestiere, giusto? Però se vuoi dilettarti nella realizzazione di immagini, semplici ritocchi o editing ti suggerisco questi strumenti utili:

  • Adobe Photoshop e Illustrator sono strumenti professionali dalle risorse illimitate, ma non accessibili a tutti in termini di costo
  • Canva utile per creare grafiche semplici ma d’effetto, con modelli già preimpostati
  • PicMonkey confesso che l’ho scoperto da poco e mi sta piacendo molto, valido per realizzare photoediting e lavori di grafica un po’ più elaborati

BREVE GLOSSARIO
Il Tone of Voice è letteralmente il “tono di voce”, il carattere, la personalità che vogliamo dare alla comunicazione e che rispecchia il brand o la nostra identità.
La Visual Identity è la parte visiva della Brand Identity.
La Brand Identity è tutto ciò che nell’insieme crea l’identità di un brand: nome, mission, pubblicità, packaging sono alcuni degli elementi che contribuiscono a formare nella mente delle persone l’idea di quel prodotto/servizio.

Share Button