Riunione Annuale dei Lucani nel Mondo. I nuovi emigranti lucani

Tempo di lettura: 2minuti

Lunedì 26 marzo, a Filiano, ha preso il via ufficialmente la Riunione Annuale dei Lucani nel Mondo, dal titolo “IdentItalia – Lucani per scelta”.
La mattinata di lavoro è stata introdotta dai saluti istituzionali del Sindaco di Filiano, Francesco Santoro. “Questa giornata è un’occasione per rendere omaggio ai nostri avi che con grande spirito di sacrificio hanno abbandonato la loro terra d’origine per cercare fortuna altrove e oggi sono rappresentati da tutte le associazioni presenti.” ha affermato il Sindaco Santoro.

Il Presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Francesco Mollica, nel suo intervento ha sottolineato l’importanza del ruolo dell’Assemblea dei Lucani nel Mondo. “C’è chi afferma che quest’assemblea è inutile ed è uno spreco di fondi – ha continuato il Presidente Mollica – Abbiamo messo in piedi una rete importante, tra non poche difficoltà e per questo non intendiamo abbandonare quanti continuano a sentirsi fortemente lucani”.

“La giornata di oggi rappresenta il consolidamento del patto di fiducia tra la Basilicata e il resto del Mondo. Il titolo della manifestazione “IdentItalia – Lucani per scelta” è stato pensato proprio per rappresentare l’Italia dell’Identità e tutti coloro che si definiscono “lucani per scelta”, che rappresentano l’orgoglio di essere lucani anche fuori dalla Basilicata.” ha affermato il Presidente della Commissione Lucani nel Mondo, Aurelio Pace.

La discussione è entrata nel vivo con la relazione di Michele Napoli, vicepresidente C. R. L. M., il quale ha affermato che “è necessario raccontare i lucani in maniera diversa. Oggi i giovani non partono più con una valigia di cartone, ma con un trolley pesante, carico di saperi e di conoscenze.”

A testimoniare il valore dei giovani lucani nel mondo, sono state le esperienze di tre donne lucane che oggi occupano ruoli di rilievo all’interno di grandi società internazionali: Linda Albano di Potenza, laureata in ingegneria all’Unibas, oggi lavora in Australia come vicepresidente della società petrolifera “Power & New Markets, Woodside Energy”; Francesca Viggiano di Vietri, responsabile di supporto alla sicurezza del CERN e Maria Teresa Scelzo, ricercatrice lucana a Bruxelles presso il Department of Environmental and Applied Fluid Dynamics.

La mattinata di lavoro si è conclusa con l’intervento di Luigi Scaglione, Coordinatore del Centro Lucani nel Mondo “Nino Calice” e l’intermezzo musicale di Raffaele Tedesco, che si è esibito con “Terra di luce”, un ritratto poetico in musica della Basilicata, rivissuto attraverso i ricordi di chi ha lasciato la nostra terra.

Nel pomeriggio i lavori dell’Assemblea sono ripresi con la proiezione del video sul “Rapporto Italiani nel Mondo 2017” realizzato da Tv2000 e Fondazione Migrantes. Giuseppe Sommario, Ricercatore Università Cattolica di Roma ha spiegato che gli iscritti all’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) sono circa 5 milioni e la maggior parte sono di provenienza meridionale. “Tuttavia – ha continuato Sommario – L’emigrazione è un fenomeno che riguarda tutta l’Italia e coinvolge un po’ tutti: giovani, anziani e intere famiglie”.

Questa prima giornata di lavoro si è conclusa con un interessante dibattito finale che ha coinvolto anche i ragazzi del Forum dei Giovani Lucani nel Mondo presenti in sala.

Share Button