La scuola alla scoperta del bosco di Montecaruso

“È stata una bella iniziativa. Questo è un bel posto ma la montagna è ancora più bella. Sulla montagna non c’è un altro uomo più felice di me!” Zi Vito r’ Ghiasti

Per due giorni il bosco di Montecaruso a Filiano si è trasformato in un’aula per gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Federico II di Svevia” di Filiano, Lagopesole, Possidente e Sant’Angelo.
Lunedì 5 giugno è stata la volta dei bambini delle scuole primarie. Arrivati all’area pic-nic di contrada Imperatrice, i più piccoli sono stati accolti dalle animatrici Carmen Fasanella, Anna Rita Colucci, Donatella Oppido, Carmela Pace e Catrin Lioy. Le ragazze hanno intrattenuto i bambini con fiabe, giochi e passatempi creativi.
Gli alunni più grandi e gli insegnanti, accompagnati da Donatantonio Martinelli guida esperta del territorio, sono saliti sul Piano della Grave. Dopo circa 1,5 km di camminata e ad un’altezza di 950 m sul livello del mare, gli alunni hanno ammirato un panorama mozzafiato! In passato, quando nella zona i pastori erano ancora tanti, su questa montagna si potevano vedere grandi greggi di pecore pascolare libere.
La montagna è viva, ci parla e bisogna imparare ad ascoltarla: odori, rumori e tracce fanno parte del complesso linguaggio dei boschi. Un sapere che si tramanda oralmente di generazione in generazione e che non dev’essere dimenticato. Proprio come si tramanda, di padre in figlio, l’arte della caseificazione. Lo sanno bene Vito Santoro, pastore novantenne di Montecaruso e Pietro Galasso, giovane allevatore di Lella, i quali hanno illustrato ai ragazzi come si fa la ricotta. Al termine della dimostrazione pratica, alunni e insegnati hanno assaporato il gusto unico della ricotta appena fatta e del famoso Formaggio Pecorino di Filiano DOP.

Martedì 6 giugno, anche i ragazzi delle scuole secondarie hanno avuto la possibilità di riscoprire il loro territorio da una prospettiva diversa e non più solo attraverso lo schermo dello smartphone. Passeggiare nel bosco di Montecaruso è stata anche un’occasione per combattere la sedentarietà e la pigrizia della fase adolescenziale! Anche per questa giornata è stato fondamentale il supporto dei volontari della Croce Rossa e della Protezione Civile di Filiano, che in quest’occasione si sono cimentati in una dimostrazione di quella che è la loro attività di volontariato.
Alcuni volontari della Protezione Civile hanno mostrato qual è il procedimento da seguire per il montaggio di una tenda da campo base. Altri, invece, hanno spiegato ai ragazzi come usare la lancia per riuscire a domare un incendio. La Croce Rossa, invece, ha tenuto una vera e propria lezione di primo soccorso, simulando un incidente e il relativo intervento.
Le due giornate sono state organizzate dal Comune di Filiano e dall’Istituto Comprensivo “Federico II di Svevia” con la partecipazione della Croce Rossa Italiana, della Protezione Civile e della Pro Loco di Filiano.

Share Button