Un viaggio indietro nel tempo attraverso le pitture rupestri di Filiano

Chiudete gli occhi, provate a tornare indietro nel tempo e immaginate di essere uomini preistorici…

È così che comincia la storia ambientata in località Carpini di Filiano, dove immerse nel verde della riserva naturale-antropologica “I Pisconi” sono custodite delle pitture rupestri risalenti a circa 12.000 anni fa. In un riparo sotto la roccia, denominato “Riparo Ranaldi” – dal nome del suo scopritore, il prof. Francesco Ranaldi – sono dipinte delle figure zoomorfe e antropomorfe in ocra rossa. Queste pitture raccontano che il territorio di Filiano era abitato fin dal Mesolitico, quando gli uomini erano nomadi e cacciatori.

Lunedì 29 e martedì 30 maggio, circa 400 ragazzi delle scuole primarie e secondarie dell’Istituto Comprensivo “Federico II di Svevia” di Filiano, Lagopesole, Possidente e Sant’Angelo hanno visitato il sito archeologico di Carpini. La due giorni è stata organizzata dal Comune di Filiano, dall’Istituto Comprensivo e dai Carabinieri Forestali – Ufficio Biodiversità di Potenza.
Gli alunni e gli insegnanti sono stati accolti dai validissimi volontari della Protezione Civile e della Croce Rossa di Filiano, i quali hanno consentito che la gita si svolgesse in piena sicurezza e fosse accessibile a tutti. Per poter apprezzare il proprio territorio e poterlo raccontare agli altri è fondamentale conoscerne la storia e le caratteristiche. Questo è il messaggio che le guide Donatantonio Martinelli, profondo conoscitore del territorio e delle tradizioni di Filiano e Gennaro Mecca, esperto e cultore della materia hanno voluto trasmettere ai ragazzi. Questi ultimi hanno partecipato attivamente, con grande curiosità e interesse.
Presente alla manifestazione anche l’Amministrazione Comunale di Filiano.

“I ragazzi hanno mostrato tanto entusiasmo e stupore per la bellezza delle pitture. È per questo motivo che il 5 e il 6 giugno replicheremo all’area pic-nic di Montecaruso, un altro caratteristico luogo del nostro territorio. È stato possibile realizzare tutto questo, grazie alla collaborazione con i Carabinieri Forestali dell’Ufficio Biodiversità di Potenza e al lavoro dei nostri tanti volontari. In particolare, voglio ringraziare Gennaro Mecca e Donatantonio Martinelli per la passione che puntualmente li contraddistingue.” Francesco Santoro, sindaco di Filiano

“L’educazione dei ragazzi non può prescindere dalla conoscenza del territorio in cui si vive. Perciò ben vengano iniziative di questo tipo.” Amelia Maio, dirigente scolastica

Share Button